Il nuovo sistema Quva

Suter Inox SA è di recente distributore esclusivo per la Svizzera e il Liechtenstein del nuovo sistema Quva. Erik Spelt, fondatore e direttore di Quva, racconta com’è nata l’idea della sua macchina per sottovuoto da incasso.

Signor Spelt, come le è venuta l’idea della macchina per sottovuoto da incasso?

Qualche anno fa ho iniziato a sperimentare con la cottura sottovuoto e ho quindi comprato una macchina apposita. Ho avuto ottimi risultati. I cibi erano deliziosi. La macchina per sottovuoto, tuttavia, non mi soddisfaceva. Era voluminosa, stava sempre in mezzo e mia moglie la riponeva sempre in qualche cassetto dopo l’uso, cosicché ho finito per utilizzarla sempre meno. Non posso dire di averla sfruttata al massimo per la conservazione dei cibi.

Si è reso conto del problema, ma come lo ha risolto?

Ho pensato a come sarebbe stato integrare una macchina per sottovuoto nel piano di lavoro di una cucina, in maniera che fosse sempre pronta all’uso quando serviva, ma senza stare sempre in mezzo. Con questa idea in testa, ho iniziato a mettermi all’opera per Quva. Lavorando al progetto, ho realizzato che una macchina per sottovuoto può essere utile a molto più che alla semplice sigillatura dei sacchetti. Così Quva è diventato un sistema completo e non solo un apparecchio per sigillare i sacchetti.

Lei lo definisce un sistema completo. Può dirci allora quali sono le funzioni principali di Quva?

  • Mantenere la freschezza degli alimenti 3 volte più a lungo
  • Cuocere sottovuoto gli alimenti
  • Eseguire una marinatura superveloce, in soli 10 minuti
  • Conservare molto più a lungo il vino

Dei notevoli vantaggi di Quva fanno parte anche i pratici accessori. Cosa può dirci in proposito?

Posso dire che i contenitori sono riutilizzabili all’infinito, una caratteristica molto apprezzata dalla nostra clientela. Anche i sacchetti sono perfetti per la conservazione degli alimenti. Prendiamo ad esempio del pecorino. Se non è confezionato correttamente, perde velocemente il proprio sapore. Abbiamo anche condotto dei test in proposito: abbiamo riposto in un frigorifero due pezzi dello stesso formaggio, uno confezionato in una busta tradizionale, l’altro in un sacchetto per sottovuoto Quva. Qualche tempo dopo, la differenza si notava eccome. Il formaggio conservato nel sacchetto normale, non era più mangiabile, mentre quello nel sacchetto Quva era ancora perfetto.

Il fatto che gli alimenti si conservino più a lungo è un bel vantaggio nella lotta contro gli sprechi alimentari.

Certo, ed è una questione che mi sta molto a cuore. Qui nel mondo occidentale circa il 30% del nostro cibo finisce nella spazzatura. Questo contribuisce in maniera notevole alle emissioni di CO2. Trovo incredibile, e lo confermano anche i nostri utenti, che Quva si adoperi in maniera efficace nell’abbattimento dei rifiuti alimentari. Il sistema Quva aiuta a ridurre gli sprechi.

Come funziona la marinatura veloce?

Lo speciale anello per la marinatura, che può essere appoggiato semplicemente sui nostri contenitori, è incluso nella fornitura del sistema Quva. Il dispositivo dispone infatti di un tasto che avvia un processo di marinatura di circa 10 minuti. A tal fine, il sistema genera un vuoto per poi arrestarsi automaticamente. Attraverso l’anello di marinatura, l’aria viene introdotta nuovamente nel contenitore. Una volta eliminato il vuoto quasi del tutto, il processo ricomincia. Il ciclo si ripete per un totale di 5 volte. La pressione che si genera attraverso il vuoto, induce una marinatura molto più veloce degli alimenti.

Sembra che la conservazione del vino sia la sua funzione preferita del Quva, è vero?

È così. Adoro il vino e detesto sprecarlo. A casa mia ci sono sempre due bottiglie di vino aperte: una di vino rosso e una di bianco. Una volta aperto, però, il vino perde velocemente il suo aroma. Togliendo l’aria dalla bottiglia, invece, è possibile prolungare notevolmente il tempo di conservazione del vino dopo l’apertura. A tal fine, Quva dispone di un’apposita funzione Power. Grazie a uno speciale tappo, il sistema aspira l’aria dalla bottiglia e si arresta solo una volta raggiunta la massima potenza della pompa. In questo modo, Quva crea un elevato livello di vuoto nella bottiglia e il vino mantiene il proprio aroma molto più a lungo.

Come mai ha deciso di affidarsi alla ditta Suter Inox SA per la distribuzione di Quva in Svizzera?

Suter Inox SA dispone di una rete di distribuzione già affermata nel settore svizzero delle cucine e pone estrema attenzione alla cura dei rapporti con la clientela. La collaborazione con questa azienda familiare svizzera è partita sotto i migliori auspici. Sono convinto che Suter Inox SA saprà lanciare efficacemente Quva nel mercato svizzero e del Liechtenstein, dando vita al primo grande mercato al di fuori dei Paesi Bassi.

Per saperne di più su Quva →

Arch. Michele Balmelli

Managing Partner PURO design Sagl