La professionalità in cucina

Antonio Citterio racconta il concept e lo sviluppo del modello Italia

La tua collaborazione con Arclinea inizia nel 1986. Raccontaci il contesto dell’epoca, sociale e di mercato, e quindi come è nato il concept della cucina Italia.

L’obiettivo con Arclinea è stato da subito chiaro e cioè proseguire un percorso di innovazione, da sempre nel DNA dell’azienda. A metà degli anni 80 la “cucina moderna”, che la stessa Arclinea aveva contribuito a diffondere, aveva raggiunto una fase di evidente maturità. Si avvertivano i primi segnali di una rinnovata cultura del cibo, che superando i confini elitari delle 3 stelle Michelin, sarebbe poi diventata autentica cultura glamour di massa; e questo a partire proprio dalla cucina italiana, riuscita a conservare la sua tradizione e supremazia gastronomica a tutti i livelli. Probabilmente si trattò di un’intuizione piuttosto che di una lucida consapevolezza, ma l’ispirazione venne proprio da lì, dal mondo professionale. Così nacque Italia, accompagnata da un claim ancora oggi attuale: “La professionalità in cucina.”

Arclinea – Italia

Quali in generale le caratteristiche del progetto?

Le cucine professionali si distinguono per la funzionalità e l’efficienza che sono in grado di garantire. Da qui la scelta dell’acciaio, inalterabile, puro e resistente ad acqua e fuoco, lavorato tecnicamente con la precisione necessaria alla migliore performance funzionale. Seguendo lo stesso principio, abbiamo dedicato grande attenzione all’aspetto operativo, con piani più profondi, razionalizzati e organizzati per la preparazione e la cottura, con un doppio lavaggio per il cibo e le stoviglie. Ogni scelta progettuale è stata guidata dall’obiettivo primario di fornire i giusti strumenti di lavoro per la massima qualità del risultato. Non è un caso che queste caratteristiche, poi estese a tutta la Collezione, siano state la ragione della scelta degli arredi Arclinea da parte di diverse scuole di cucina.

“Il mondo della cucina professionale rappresenta anche un riferimento estetico ideale, al quale tendere per soddisfare desideri e aspettative intangibili.”

Antonio Citterio
Antonio Citterio racconta il concept e lo sviluppo del modello Italia

Il valore del progetto Italia è quindi strettamente legato alle sue qualità tecniche e funzionali, alle performance che è in grado di offrire?

Sono convinto che il mondo della cucina professionale a cui ci siamo ispirati rappresenti anche un riferimento estetico ideale, al quale tendere per soddisfare desideri e aspettative intangibili. Come il piacere di interpretare la gestualità tipica dello chef che prende i suoi strumenti dall’alto, dalle attrezzature di cui sono dotate le cappe ad isola, o che sposta in libertà i piatti e le pentole sui grandi piani di lavoro, in un ambiente operativo in cui tutto è a vista.

Le esigenze del settore professionale sono diverse, sia sul piano funzionale che dimensionale, da quelle domestiche. Come hai gestito questo aspetto?

Naturalmente l’impegno è stato tradurre questi aspetti su una scala ridotta, proporzionata ad una dimensione residenziale, oltre alla necessità di intervenire sull’affinamento del dettaglio formale. Come nel caso della maniglia, ispirata a quelle professionali, ma reinventata sul piano costruttivo, così da raggiungere gli standard di qualità tipici di una cucina di alta gamma: ancora oggi per la sua produzione è previsto un importante intervento manuale.

“L’esperienza vissuta con il progetto di Italia, accompagnata dall’analisi del mondo professionale, è stata fondamentale per lo sviluppo della Collezione Arclinea.”

Antonio Citterio
Arclinea – Italia

Oggi la Collezione Arclinea è composta da diversi modelli, affiancati da attrezzature e sistemi tra loro trasversali. In questo scenario, estremamente complesso e articolato, quale ruolo credi che interpreti Italia?

Senz’altro l’esperienza vissuta con il progetto di Italia, accompagnata da una profonda analisi degli aspetti tecnici e funzionali del mondo professionale, è stata fondamentale per lo sviluppo dell’intera Collezione. Nel tempo abbiamo elaborato un unico e grande sistema che prevede modelli diversi da affiancare a soluzioni attrezzate complementari: dai piani di lavoro alle cappe di aspirazione sospese, dagli accessori interni ai tavoli integrati. Tutto questo garantisce senz’altro un’estrema libertà progettuale, ma sempre nel rispetto delle reali esigenze dell’ambiente cucina. Considero Italia come la vera capostipite della Collezione; mi piace pensare a lei come a un modello senza tempo, proprio perché esprime un’idea di qualità concreta ed evidente, in cui nulla appare superfluo.

Art direction: Juma
Shooting and editing: Forte

Per saperne di più sul modello Italia (sito di Arclinea) →